Stadioradio

Eccellenza e Promozione: scompare una squadra, un'altra è legata ad un filo sottilissimo. Rischio Luzzese?

di Antonio Blefari  | 13/07/2015 in " Eccellenza " articolo con foto
5510 letture | 4 commenti | 4 voti

Sarà solo il Comitato Regionale Calabria a dare il quadro definitivo ed ufficiale sulle squadre che andranno a comporre gli organici dei campionati di Eccellenza e Promozione dopo aver esaminato la documentazione che perverrà nella propria sede di Catanzaro, ma ad oggi possiamo anticipare, con l'obbligo del condizionale, quelle che potrebbero essere le assenze nella prossima stagione nei due massimi tornei di calcio calabrese. 

Partiamo dal torneo di Eccellenza dove tutte le squadre hanno presentato regolare domanda di iscrizione alle ore 18:00 di oggi,  termine ultimo per effettuare la stessa attraverso i mezzi telematici a disposizione delle società.  La spunta il Sambiase che vedeva il proprio titolo nelle mani dell'amministrazione comunale, quest'ultima attraverso diverse mediazioni, è riuscita a trovare un gruppo di imprenditori che sostenesse in primis l'iscrizione ed in seguito il resto della gestione del campionato. Si iscrive anche la Taurianovese, più volte vicina a cedere il titolo: chi regge le sorti di questa società ha deciso di non bruciare in un colpo solo tanti anni di sacrifici iscrivendo la squadra al massimo torneo regionale, anche se per la Taurianovese si apre una possibile stagione da "cenerentola" del torneo. Si iscrive regolarmente anche il Montalto che non teme i risvolti di "Dirty Soccer" ne tantomeno le vertenze da sistemare, la dirigenza capitanata dal Presidente Lanzillotta fa la sua scommessa cercando di non far scomparire il calcio a Montato Uffugo.
Iscrizione al fotofinish per la Paolana che in un colpo solo ha dovuto sborsare 22.000 per pagare iscrizione e saldare le vertenze degli allenatori Andreoli e Morelli: una vera impresa!

La notizia clamorosa arriva invece dal torneo di Promozione dove non ce l'ha fatta il Guardavalle che scompare quasi nell'indifferenza: i dirigenti Salerno e Taverniti hanno provato in tutti i modi a sensibilizzare l'opinione pubblica senza però ottenere i risultati sperati e sono stati costretti ad alzare bandiera bianca, il calcio a Guardavalle si ferma dopo ben 40 anni di attività, anche se si cercherà di mantenere la matricola iscrivendo la società a campionati giovanili. Incognite anche sul destino del Rizziconi, le sorti della squadra della piana è legata ad un filo sottilissimo: secondo le ultime notizie sarebbe stata effettuata l'iscrizione on-line, che però dovrà essere perfezionata con la documentazione mancante tra cui la tassa d'iscrizione che il Comune, a cui è stata affidata la squadra, non potrà provvedere in quanto commissariato. Ci sarebbero però degli imprenditori che potrebbero dare seguito all'operazione ma la notizia ancora non trova conferme. In forse il destino anche della Luzzese che non sarebbe riuscita a sistemare per tempo una vertenza a favore dell'ex tecnico Francesco Sbano.

Sarebbero quindi almeno tre i ripescaggi dalla prima categoria visto il posto liberato in promozione dal Reggiomediterranea che attende solo l'ufficialità per festeggiare l'Eccellenza.

 


ADISS

Commenti degli utenti

...

carafa

15/07/15 00:33
Si fossero interessati a salvaguardare la gestione economica-sportiva della squadra piuttosto che minacciare i giocatori avversari forse oggi a Guardavalle si parlerebbe di altro.
...

apache1912

15/07/15 13:56
era ora.....la giusta fine!!!

...

biason

15/07/15 15:53
Postato in origine da: carafa
Si fossero interessati a salvaguardare la gestione economica-sportiva della squadra piuttosto che minacciare i giocatori avversari forse oggi a Guardavalle si parlerebbe di altro.

Carafa come sempre le tue risposte sono fuori luogo

...

carafa

15/07/15 23:39
Postato in origine da: biason
Postato in origine da: carafa
Si fossero interessati a salvaguardare la gestione economica-sportiva della squadra piuttosto che minacciare i giocatori avversari forse oggi a Guardavalle si parlerebbe di altro.

Carafa come sempre le tue risposte sono fuori luogo

La memoria corta é uno dei grandi problemi di questo Paese. Io non dimentico il silenzio (per essere eleganti) della dirigenza dopo i ripetuti episodi di minacce e violenza fisica a giocatori e staff delle squadre avversarie prima dell'inizio delle partite.

Ovvio che mi dispiaccia per la cittadina ma, con altrettanta onestá, ribadisco ció che dissi dopo gli episodi sopra citati: certe persone fanno solo del male al calcio calabrese.

Inserisci qui il tuo commento


18/11/19 07:57 , di amaranto

TOTODILETTANTI 2019-2020


15/11/19 07:16 , di amaranto

Coppa Italia 2019-20


14/11/19 14:31 , di Indelebile

Sersale Locri


1

pulicara

1320
2

calamaro

1187
3

celia

1110
4

pierino1985

1105
5

amaranto

1105
6

tonino61

1074
mar
ONZE
copy center