Stadioradio

La Serie D da Corigliano ad Acri? Nucaro "priorità al Corigliano"

di Redazione  | 08/05/2020 in " Serie D gir. I "
1058 letture | 0 commenti | 0 voti


Nelle ultime ore una notizia apparsa su AcriInRete.info ha scosso il mondo del calcio che attende notizie dai vertici nazionali che stanno cercando soluzioni in questa emergenza sanitaria. Mauro Nucaro infatti da quanto si è appreso avrebbe avuto dei contatti con una parte dell'Amministrazione Comunale di Acri per garantirsi la gestione del "Pasquale Castrovillari" ed eventualmente spostare il titolo di Serie D nella città di Sant'Angelo. A stretto giro di posta, la puntualizzazione di Nucaro che stabilisce delle priorità, ma di fatto non smentisce contatti con l'Amministrazione Comunale. 

In merito alle voci delle ultime ore su un possibile trasferimento del titolo dell’Asd Corigliano Calabro nella città di Acri, il presidente del club jonico ha voluto puntualizzare: «Apprezzo l’interessamento della città di Acri per  riacquistare la serie D ma ad oggi non è ancora tempo per affrontare il capitolo calcio. In questo momento la situazione sanitaria nazionale, causata dall’epidemia del Covid 19, ci impone ancora riflessioni e valutazioni. Al momento lo scenario calcistico appare sospeso e non sappiamo se, quando, da dove e come si ripartirà. Altresì, c’è da comprendere con quali soluzioni si concluderà l’attuale campionato di serie D. Solo dopo che avremo notizie ufficiali sulla definizione dell’attuale stagione, sarà nostra premura affrontare il futuro. Il primo passo- rimarca Nucaro- sarà fissare un incontro con i dirigenti del comune di Corigliano-Rossano con cui intendiamo colloquiare in primis sulle strutture di cui potrà usufruire l’Asd Corigliano Calabro. In seguito a quello che riteniamo un proficuo incontro con i dirigenti comunali, potremo deliberare sul da farsi.  Se ci saranno le condizioni necessarie, il mio volere sarà quello di restare a Corigliano e di giocare allo stadio “Città di Corigliano”. Se non ci saranno i presupposti potremo concentrarci su altre ed eventuali valutazioni».


EGR

Inserisci qui il tuo commento