Stadioradio

Roccella, firmano Cito, Guerrisi e Lazzarini

di redazione  | 31/10/2020 in " Serie D gir. I " articolo con foto
3492 letture | 0 commenti | 0 voti

 

 

 

Batte tre colpi il Roccella. A 24 ore di distanza dalla sfida contro il Santa Maria Cilento, la formazione amaranto si assicura le prestazioni dei giovani Cito, ex Corigliano, e Guerrisi. In attacco il colpo prende il nome di Lazzarini, tra i protagonisti lo scorso anno della cavalcata del San Luca in Serie D. Ecco il comunicato:

L’ASD Roccella 1935 comunica di aver acquisito le prestazioni sportive degli atleti Gianmarco Cito, Ferdinando Guerrisi ed Emanuel Lazzarini per la stagione 2020-21.

Cito è un centrocampista centrale classe ’98. Cresciuto nel vivaio dello Spezia, conta in attivo più di 100 gare in Serie D con le maglie di Fezzanese, Real Forte Querceta, Massese e Corigliano.

Guerrisi è un esterno offensivo classe ’02. Ha debuttato in Serie D lo scorso anno con la maglia della Cittanovese lasciando intravedere ottime sensazioni prima dello stop definitivo del campionato.

Lazzarini è un attaccante italo-argentino classe ’87 proveniente dal Sambiase. Il suo curriculum vanta esperienze di tutto rispetto. Cresciuto nelle giovanili del Newell's Old Boys debuttando in SuperLiga all'età di 20 anni, fu in seguito dato in prestito al Temperley nella Primera "B" (terza serie del calcio argentino). Tante le esperienze prolifiche per lui con le maglie di Correcaminos in Messico (24 presenze e 4 gol), Corbeloa in Cile (11 presenze e 5 gol), Altanta, Gimnasia, Club Atletico Mitre e Chaco For Ever in Argentina prima del definitivo sbarco in Italia. Nel nostro paese, dopo la breve parentesi con la Palmese, ha messo in mostra le sue abilità di finalizzatore con le maglie di Nuorese e San Teodoro. Dopo l’ottima stagione con la maglia del San Luca, con cui ha vinto lo scorso campionato di Eccellenza, Lazzarini è pronto a mettersi in luce con il Roccella nel massimo campionato dilettantistico nazionale.

Benvenuti nella famiglia amaranto!

ASD ROCCELLA 1935

Ufficio Stampa


ADISS

Inserisci qui il tuo commento