Stadioradio

IL “DERBY DELLA PIANA” AFFASCINA SEMPRE

di Sigfrido Parrello  | 09/01/2011 in " Eccellenza "
20577 letture | 0 commenti | 0 voti

DIRETTAMENTE DAL LEGGENDARIO “Lopresti” SEMPRE PIU’ ABBANDONATO DA TUTTE LE AMMINISTRAZIONI LOCALI- Nuova edizione del “derby della Piana” al “Polivalente” di Gioia Tauro e ritorna la sfida più calda e tradizionale che si tramanda da generazioni in generazioni. Il famoso “derby della Piana”: il match che per le due tra le tifoserie più passionali dell’intero calcio calabrese vale una stagione. Due tifoserie che aspettano questa sfida da sempre, con trepidazione e rinnovato entusiasmo per battere i rivali di sempre. Quei vicini di casa rivali del calcio di oggi e di ieri, praticamente di sempre, per dimostrare chi è il più forte della Piana.
Palmese e Nuova Gioiese si sfidano nuovamente in uno spettacolo sociale che mobilità due popolazioni che in questa particolare occasione rivendicano la supremazia nel calcio.
Neroverdi e viola si affrontano per l’ennesima volta da oltre 80 anni. Il leggendario “Lopresti” e l’indimenticabile ormai dismesso “Cesare Giordano”, sono i “campi di battaglia” che hanno entusiasmato le due tifoserie. Altri tempi. Il gioco del calcio era reale e i campionati si vincevano a denti stretti e soprattutto sul campo: U.S. Palmese 1912 e A.C. Gioiese 1918 non avevano eguali e non esisteva alcun concorrente per i due club che dettavano legge in Calabria, Sicilia e Campania. Anni 70 quelli di anni di Carletto Marino e Raffaele Giacobbe oppure i primi anni 90 quando il neroverde Rocco Cadile e il capitano viola Peppe Pedullà erano i protagonisti di sfide indelebili che non scalfiranno di un millimetro la mente dei tifosi.
Adesso la Palmese di Giancarlo Oliveri e la Nuova Gioiese del presidente Rombolà (una persona veramente per bene) si affrontano in un momento particolare per entrambe. I neroverdi di mister Perna non attraversano un periodo brillante e sono reduci dalla pesante sconfitta interna col Bocale mentre i viola di Graziano Nucera il giorno della Befana hanno perso malamente a Sersale. Addio sogni di gloria per entrambi con le due tifoserie delusissime e sul piede di guerra (la contestazione è dietro l’angolo).
TIFOSERIA NEROVERDE: fervono i preparativi. A Palmi sale la febbre per il “derbissimo della Piana”: il gruppo storico “Boys Palmi 78”, da sempre fedele alla Palmese, non intende lasciare soli i propri beniamini è per questo ha chiamato a raccolta i supporters per la gara che da sempre aspettano. La macchina organizzativa è partita ed in città non si parla di altro: tutti al “Polivalente” per battere la Nuova Gioiese in una partita delicata per la classifica. I play-out sono vicinissimi.
ULTIMISSIMI PRECEDENTI: l’ultima vittoria della Palmese sulla Nuova Gioiese al “Polivalente” ed in Promozione risale alla stagione 2007/2008 (gol di Saso Bracco e vittoria del torneo) mentre quella sulla “vera Gioiese” risale al 92/93 in Eccellenza. A.C Gioiese 1918 e U.S. Palmese 1912 si affrontarono prima al “Lopresti” (1 a 0 il 25 ottobre 1992) e poi al “Cesare Giordano (ancora vittoria della Palmese 2 a 0). Allenatori di quella stagione erano Guerino Amoroso e Magro. Presidenti della Palmese il duo Purrone-Macrì di Gioia Tauro (incredibile ma vero). Da allora tante circostanze hanno cambiato le regole del calcio ma nonostante tutto, Palmi e Gioia Tauro si ritrovano di fronte per rinnovare l’eterna sfida: il “derby della Piana”, per la supremazia calcistica della Piana. Che vinca il migliore ma che soprattutto trionfi lo sport.
All’andata di questa stagione invece (il 19 settembre) al “Lopresti” finì zero a zero.
FORMAZIONE: Peppe Perna, il profeta, dovrebbe schierare la seguente formazione con il modulo 4-4-2: Caputo in porta, linea difensiva composta da: Laurendi, Falduto, Di Lorenzo e Barone o Careri, centrocampo formato dai fuoriquota Libri ed il siciliano Pirrotta sugli esterni, Giovanni Napoletano e Caracciolo al centro con la linea d’attacco composta da Zappia-Fioriti e Trunfio pronto a entrare a partita in corso.
A dirigere l’incontro è stato designato il lucano Emilio Amici di Matera.


tratto da “Il Quotidiano della Calabria” di Sigfrido Parrello
 


ADISS

Inserisci qui il tuo commento


tuttotrasf
arcmateria
copy center