Stadioradio

PLAY OFF: Città di Messina - Rende 2-0

di Redazione  | 06/06/2012 in " Eccellenza "
3771 letture | 21 commenti | 0 voti

Il Città di Messina ribalta la sconfitta di misura subita all’andata e accede alla finale nazionale dei play-off promozione. Di fronte a circa 1500 spettatori, gli uomini di Rando spingono con determinazione fin dall’avvio rendendosi pericolosi in più occasioni dalle parti del portiere avversario. La gara si decide a cavallo tra primo e secondo tempo. Buda al 36′ porta in vantaggio i suoi e ristabilisce momentaneamente la parità, Assenzio ad inizio ripresa firma il gol – qualificazione. Dopo il 2-0 i padroni di casa vanno più volte vicinissimi alla rete della sicurezza ma non riescono a blindare il risultato. Qualche patema ma nessun rischio concreto nei minuti conclusivi prima del liberatorio triplice fischio del direttore di gara che fa esplodere di gioia calciatori e pubblico. Il Città di Messina vola in finale e contenderà ora la promozione al Gladiator.

LA CRONACA – Una sola novità nello schieramento proposto da Rando rispetto alla gara di Rende di tre giorni fa: Cappello in campo dal 1′ sulla corsia difensiva destra con il conseguente spostamento di Munafò a centrocampo e l’iniziale rinuncia a Camarda, ottimo a Rende ma non ancora in grado di sostenere due gare consecutive nel giro di soli tre giorni dopo l’operazione al ginocchio dello scorso dicembre. Confermato il 4-3-3: Di Dio in porta; linea arretrata con Cappello, Cordima, Frassica e Bombara; a centrocampo Munafò, Giardina e Assenzio; in attacco il collaudato tridente Pirrotta – Rosa – Buda. Pubblico numeroso in tribuna con la presenza di circa 1500 spettatori.

Il Città di Messina spinge il piede sull’acceleratore fin dai primi istanti e già dopo 30 secondi Pirrotta trova spazio per il cross a destra e mette in mezzo trovando probabilmente il braccio di un difensore: l’arbitro lascia correre. Al 3′ preciso lancio di Giardina, ancora Pirrotta aggancia bene ma è leggermente impreciso nella battuta e il pallone termina di poco oltre la traversa. Il Rende si fa vivo al 6′ con la botta dalla distanza di Longo che non centra lo specchio. Lo stesso Longo, match – winner nella gara di andata, si rende ancora pericoloso all’11′ ma il suo colpo di testa da distanza ravvicinata è centrale e Di Dio può far sua la sfera senza affanni. Il Città di Messina gioca con grande intensità ed esercita un’evidente supremazia territoriale. Al 17′ Giardina su punizione dal limite sfiora la traversa. Al 22′ Rosa innesca Buda, anticipato con un grande intervento da Ferraro al momento della battuta a rete dal limite dell’area piccola. Sul seguente corner, calciato da Giardina, Bombara calcia di potenza dal limite e sfiora la traversa. Trascorrono due minuti ed è ancora Pirrotta a rendersi protagonista con un destro da posizione defilata che chiama Greco alla respinga con i piedi. Il Rende può solo affidarsi alle ripartenze ed alle conclusioni dalla distanza, come avviene al 35′ quando l’ottimo Musacco calcia di sinistro dai 25 metri: Di Dio lascia scivolare il pallone sul fondo. Il gol che sblocca il punteggio arriva al 36′: Buda riceve palla a sinistra, si accentra e lascia partire un velenoso destro dal limite che fulmina Greco e ristabilisce la parità nel doppio confronto. Per l’attaccante messinese si tratta del 18° gol stagionale tra campionato, coppa e play-off. Al 44′, su segnalazione dell’assistente, l’arbitro allontana il tecnico del Città di Messina Pasquale Rando, reo di aver protestato con eccessiva foga. Le squadre rientrano poco dopo negli spogliatoi con il punteggio sull’1-0.

Alla prima azione pericolosa della ripresa, al 3′, la squadra di casa raddoppia: Cappello, oggi autore di una prestazione maiuscola, riceve da Pirrotta ed effettua un velenoso tiro – cross che, deviato da un difensore, diventa un assist per Assenzio che di testa insacca da pochi passi. Il capitano sigla così il suo tredicesimo gol in campionato, un bottino più che considerevole per un centrocampista. Il 2-0 galvanizza il Città di Messina che, in rapida successione, costruisce una lunga serie di palle – gol senza però riuscire a blindare il risultato. All’8′ Bombara sfonda a sinistra e serve Pirrotta che di destro da distanza ravvicinata mette di un soffio a lato. Appena due minuti più tardi è Assenzio ad andar via in contropiede e ad offrire ancora a Pirrotta un pallone invitante che l’attaccante però non sfrutta a dovere: il suo colpo di testa si perde sul fondo per pochi centimetri. L’attaccante palermitano ha sui piedi al 14′ la terza occasione consecutiva nel giro di appena 6 minuti: sul servizio di Rosa, Pirrotta stavolta centra lo specchio ma trova la parata d’istinto di Greco che mette la sfera in corner. Ancora chance per gli uomini di Rando tra il 25′ e il 26′: prima Bombara calcia di destro dal limite sfiorando il palo, poi Rosa viene anticipato all’ultimo istante dalla tempestiva uscita di Greco. L’unico brivido per i padroni di casa arriva al 28′: Musacco va al tiro sugli sviluppi di un corner ma Di Dio è attento e manda il pallone oltre la traversa. Nei minuti conclusivi lasciano il campo, uno dopo l’altro, i tre attaccanti titolari, Rosa, Buda e Pirrotta, rimpiazzati rispettivamente da Cucè, Fugazzotto e D’Arrigo. Il Rende ci prova con la forza della disperazione ma non va oltre un paio di punizioni nella trequarti avversaria mai sfruttate a dovere. Dopo 5 minuti di recupero, l’arbitro Scatigna di Taranto decreta la fine dell’incontro: il Città di Messina è in finale play-off. A contendere ai messinesi la promozione in serie D sarà ora il Gladiator, formazione campana di Santa Maria Capua Vetere che si è aggiudicata il confronto con i molisani della Turris Santa Croce. Andata al “Celeste” mercoledì 13 giugno, ritorno in programma in Campania domenica 17.

Città di Messina – Rende 2-0 (andata 0-1)

Marcatori: 36′ pt Buda, 3′ st Assenzio.

Città di Messina: Di Dio, Cappello, Bombara, Munafò, Cordima, Frassica, Pirrotta (42′ st D’Arrigo), Assenzio, Rosa (34′ st Cucè), Giardina, Buda (38′ st Fugazzotto). In panchina: Mannino, Nicolò, Camarda, Giacobbe. Allenatore: Pasquale Rando.

Rende: Greco, Viteritti, Miceli, Ferraro, Vitiritti (10′ st Gallo), Amoruso, Corapi, Pasqua, Longo, Musacco, Granata (5′ st Brillante). In panchina: Ferraro, Barilari, Prezioso, Romano, Di Marco. Allenatore: Sandro Cipparrone.

Arbitro: Pietro Scatigna della sezione di Taranto.

Assistenti: Vito Matera della sezione di Molfetta e Francesco Lanetti della sezione di Bari

Ammoniti:  38′ pt Granata (R), 43′ pt Miceli (R), 13′ st Cappello (CdM), 16′ st Assenzio (CdM).
Espulsi: 44′ pt Rando (allenatore CdM).
Recupero: 2′ pt, 5′ st.

 

FONTE MESSINASPORTIVA.IT


Commenti degli utenti

...

tato61

06/06/12 23:23
il Rende si ferma, spenti i sogni di gloria. Pazienza si riparte con lo stesso entusiasmo.
...

lupo35

07/06/12 00:27
Il rende esce ha testa alta con una grande squadra che entrambi meritavano la D..ma

c'è la possibilità del ripescaggio perché tante squadre non hanno soldi x iscriversi,qualcuna non ha il campo e ne

soldi x la

D(vedi Montalto)...quindi vedremo il da

farsi...un grazie ai ragazzi che ad agosto erano partiti x un obiettivo e insieme

alla società e

mister sono andati oltre ogni previsione...ci dispiace x

lo scalea,palmese e

paolana che potevano essere ripescati...forza rende

sempre....

...

cox

07/06/12 00:29

Appena di ritorno da Messina, la partita inizia con uno schieramento atipico per il Rende che non schiera la stessa formazione che lo vide vincitore contro Sersale e Messina. Fuori Gallo, Romano e Brillante, dentro Granata, Logno e Pasqua. La partita evidenzia una leggera supremazia territoriale del Messina ma tutto sommato le occasioni da rete si contano sulle dita di una mano, Longo per il Rende che non dà forza ad un traversone colpendo debolmente il pallone a due passi dal portiere locale e Pirrotta per il Messina il cui tiro viene ribattuto da Greco. Al 36° la svolta dell'incontro, dopo un contrasto vinto dal migliore in campo per il Rende il baby Viteritti, il pallone termina sui piedi di Pasqua che effettua un rinvio debolissimo (la sfera non si allontana più di 10 metri), la sfera diventa preda di un centrocampista peloritano che serve Buda il quale porta a passeggio due dei nostri e con un tiro non proprio irresistibile ma angolato buca Greco. Da quel momento per il Rende è notte fonda, il primo tempo non ha grossi sussulti, ma la ripresa vede solo il Messina in campo che raddoppia e potrebbe triplicare in almeno altre 4 clamorose occasioni, solo dopo l'ingresso di Gallo e Brillante il Rende inizia a macinare gioco, ma mancano appena 15 minuti alla fine dell'incontro. La mole di lavoro produce solo una decine di palle lunghe facile preda dei 7 centrali del Messina e niente più, le fasce, arma vicnente non sono mai state utilizzate ed i palloni centrali non hanno portato niente di positivo. Dopo 5 minuti, triplice fischio finale e Messina diretto verso la D col Rende che si vede proiettato verso il  4° campionato d'eccellenza consecutivo e col morale di giocatori e tifosi molto giù. Si è giocato davanti a 2000 spettatori, una ottantina i rendesi.

...

temistocle

07/06/12 07:16

 Lupo35... mi sà che quando eri piccolo hai sbattuto la testa al "comodino" Tu il Montalto non lo devi nemmeno citare.... tu di queste cose non sai assolutamente nulla.... Mi dispiace a anche tu devi ingoiare il Rospo. ahahahahahahahahaha Povero ILLUSO.

...

biancorosso1

07/06/12 08:47

cox ha scritto:

Appena di ritorno da Messina, la partita inizia con uno schieramento atipico per il Rende che non schiera la stessa formazione che lo vide vincitore contro Sersale e Messina. Fuori Gallo, Romano e Brillante, dentro Granata, Logno e Pasqua. La partita evidenzia una leggera supremazia territoriale del Messina ma tutto sommato le occasioni da rete si contano sulle dita di una mano, Longo per il Rende che non dà forza ad un traversone colpendo debolmente il pallone a due passi dal portiere locale e Pirrotta per il Messina il cui tiro viene ribattuto da Greco. Al 36° la svolta dell'incontro, dopo un contrasto vinto dal migliore in campo per il Rende il baby Viteritti, il pallone termina sui piedi di Pasqua che effettua un rinvio debolissimo (la sfera non si allontana più di 10 metri), la sfera diventa preda di un centrocampista peloritano che serve Buda il quale porta a passeggio due dei nostri e con un tiro non proprio irresistibile ma angolato buca Greco. Da quel momento per il Rende è notte fonda, il primo tempo non ha grossi sussulti, ma la ripresa vede solo il Messina in campo che raddoppia e potrebbe triplicare in almeno altre 4 clamorose occasioni, solo dopo l'ingresso di Gallo e Brillante il Rende inizia a macinare gioco, ma mancano appena 15 minuti alla fine dell'incontro. La mole di lavoro produce solo una decine di palle lunghe facile preda dei 7 centrali del Messina e niente più, le fasce, arma vicnente non sono mai state utilizzate ed i palloni centrali non hanno portato niente di positivo. Dopo 5 minuti, triplice fischio finale e Messina diretto verso la D col Rende che si vede proiettato verso il  4° campionato d'eccellenza consecutivo e col morale di giocatori e tifosi molto giù. Si è giocato davanti a 2000 spettatori, una ottantina i rendesi.

difesa a cinque mai schierata in campionato. Pasqua terzino sinistro lasciando Brecchi (10 volte più forte in marcatura) in panchina, Romano titolare per tutto il campionato in panchina, Corapi spostato al centro del campo. Gallo e Brillante, in piena forma, in panchina. Evidentemente passare il turno non era tra le priorità   

...

lupo35

07/06/12 09:32
Temistocle:se invidiavo il Montalto mi dovevo solo suicidare...la realtà è questa il Montalto non ha campo e ne soldi,come tante squadre quindi in virtù di questi problemi tante squadra più blasonate su tutti i punti di vista hanno la possibilità di fare un campionato decente e un anno e

poi fallisce tutto qui!!!!

...

avantirende

07/06/12 11:41
Lasciategli godere un momento di effimera gloria per le disgrazie altrui, poi vedremo che dice quando scoprirà che le favolette raccontategli nelle scorse settimane sono, appunto favolette, ed il suo squadrone biancazzurro col Maracanà a Taverna diventerà l'ennesima reincarnazione dei plurifalliti rossoblù con il Sacro Suolo del San Vito.

Ah, divertitevi leggendo questa protesta: non è perché con il passaggio al DTT vaste zone della provincia cosentina salutano per sempre la RAI, pur dovendo comunque pagare il canone per collegarsi al satellite e vedere i TG regionali di Campania, Lazio, Lombardia, Piemonte, ma perché...

http://www.nuovacosenza....o/giu/nientediretta.html

...

temistocle

07/06/12 18:47

 Lupo35 ingoia ingoia...se nn ti scende bevi un pò....ma non ti affogare....come FACCIO SENZA LE TUE CAVOLATE. AHAHAHAHAHAHAHA  Avantirende..... vedo che ancora non hai assorbito il Rospo.... ora Dio Mio con la sconfitta di ieri sono 2 Rospicini.... mi sa che devi bere tanto ma tanto........ IO TI GUARDO DALL'ALTO  DDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDD  AH DIMENTICAVO....LA CANTI ANCORA LA CANZONCINA COME Domenica allo stadio... Serie D serie D serie D ahahahahahahahaha che goduria... tu non puoi mai capire come mi sento.... ahahahahah

...

calabrese65

07/06/12 18:56

lupo ritorna nella tua tana che e' meglio fuori rischi che ti possano abbattere  .... ma tutta rende e' abbattuta         la colpa non e' vostra ma del vostro tecnico e di chi i'ha consigliato

...

lupo35

07/06/12 19:57
Vado nella tana ed esco a luglio quando il Montalto dà il titolo al roccella ;-)
...

cur

07/06/12 21:40

lupo35 ha scritto:
Vado nella tana ed esco a luglio quando il Montalto dà il titolo al roccella ;-)

dispiace x te ma il roccella nn compra titoli.

...

temistocle

07/06/12 22:43

 INGOIA INGOIA INGOIA.... Lupo.... ahahahahahaha io nel frattempo GODOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

...

RENDESE

07/06/12 23:52

temistocle ha scritto:

 INGOIA INGOIA INGOIA.... Lupo.... ahahahahahaha io nel frattempo GODOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

compagno mi sta siccannu cu tutte si vavie...siti 10 persune e puru parrati nn avete ultras!!! se Rende avrebbe vinto il campionato sarebbe stata ogni domenica come contro il città di Messina,invece voi che fate volate queai 4 palloncini siti ridicoli...sarete lo zimbello della serie d ahhahahahah 

...

temistocle

08/06/12 06:53

 RENDESE.... se ti "sicchi" datti una bella annaffiata... magari con un bel limoncello. ahahahahahahaha  RICORDATI   INGOIA..... INGOIA. 

...

avantirende

08/06/12 09:27
Ripeto: lasciategli godere un momento di effimera gloria per le disgrazie altrui, tra qualche settimana vedremo se avrà ancora voglia di mettere le faccine che fanno le boccacce (notoriamente tutti gli ultras d'Italia si esprimono così).

Sicuramente sarà molto più assiduo su questo forum, le scuole elementari sono finite e mammina e papino ancora non lo portano a fare il bagnetto, per cui passerà il suo tempo a godere davanti ad un PC (che tristezza, ovvio che non posso capire).

Poi verrà bannato e si iscriverà di nuovo con un altro nick, come ha già dovuto fare l'anno scorso dopo l'ennesimo fallimento della sua vera squadra del cuore

...

RENDESE

08/06/12 10:13

avantirende ha scritto:
Ripeto: lasciategli godere un momento di effimera gloria per le disgrazie altrui, tra qualche settimana vedremo se avrà ancora voglia di mettere le faccine che fanno le boccacce (notoriamente tutti gli ultras d'Italia si esprimono così).

Sicuramente sarà molto più assiduo su questo forum, le scuole elementari sono finite e mammina e papino ancora non lo portano a fare il bagnetto, per cui passerà il suo tempo a godere davanti ad un PC (che tristezza, ovvio che non posso capire).

Poi verrà bannato e si iscriverà di nuovo con un altro nick, come ha già dovuto fare l'anno scorso dopo l'ennesimo fallimento della sua vera squadra del cuore

avantirè tu dici che se lavorano 2 giorni"giorno e notte" cè la possono fare a finire il campo???ahahahahah oppure chiedono aiuto alla fatina di pinocchio??? ahahahah

...

temistocle

08/06/12 16:16

 Mi fa piacere che Avantirende sia associato con Rendese.... così almeno INGOIANO IN DUE AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH  Come sto bene vedervi giù... giù  giù...... e l'anno prossimo avrete ancora delle pene... ahahah Informatevi bene cosa succede al Rende Calcio... ahahahahahahahahaha  Lì poi c'è davvero da INGOIARE NON IL ROSPO...MA BEN ALTRO. BY BY

...

temistocle

08/06/12 16:21

 AHHHHHHHHHH Dimenticavo vi ho dato già troppa confidenza.... mi dà talmente fastidio parlare con delle persone che stanno al di sotto di me..... ( sia chiaro parlo sportivamente di calcio...me ne guarderei bene ad offendere, mi reputo una persona seria.... a parte i sfottò)....... con questo chiudo...il mio nick qui su stadio radio...magari mi farò una capitana a campionato d'eccellenza iniziato...giusto per sapere in che posto vi trovate....... OK. BY BY  ...AH...BUONA FORTUNA... MI RACCOMANDO NON SFOLTITE TROPPO LA ROSA......... 

...

RENDESE

08/06/12 17:35

temistocle ha scritto:

 Mi fa piacere che Avantirende sia associato con Rendese.... così almeno INGOIANO IN DUE AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH  Come sto bene vedervi giù... giù  giù...... e l'anno prossimo avrete ancora delle pene... ahahah Informatevi bene cosa succede al Rende Calcio... ahahahahahahahahaha  Lì poi c'è davvero da INGOIARE NON IL ROSPO...MA BEN ALTRO. BY BY

 

 

 

 

 

 

MAMMMA SA INGOIARE BENE!!! U SAPIA???

...

RENDESE

08/06/12 17:37

 MAMMATA SA INGOIARE BENE!!! PISCIATU'!!!

...

don chisciotte

08/06/12 20:04
Calmati rendese, sennò ti bannano..

Inserisci qui il tuo commento


ABAMED
28/11/21 11:26 , di edge

Situazione Roccella


26/11/21 14:57 , di StadioRadio

Totodilettanti 2021-22


25/11/21 20:30 , di StadioRadio

L'allenatore della settimana 2021-22


1

cinghiale

1122
2

gillet13

1118
3

tonino61

1035
4

salvatore vellone

1018
5

kalel

983
6

julianros80

971
9.6
copy center