Stadioradio

Bruno Ollio dalla Seles al Catanzaro

di Redazione  | 13/09/2017 in " Non solo calcio "
2243 letture | 0 commenti | 0 voti

 

La  Seles, Scuola Etica e Libera di Educazione allo Sport, è la scuola calcio dell’associazione “Don Milani Onlus” dove oltre ad insegnare il gioco del calcio si insegna anche il rispetto dell’avversario e i valori dello sport. Le attività sono iniziate nel 2010 e dopo solo sette anni arrivano i primi importanti risultati infatti il classe 2003 Bruno Ollio è stato ceduto all’ U.S.Catanzaro.

Ollio ha disputato il campionato regionale con i giovanissimi della “Seles” allenati dal mister Maurizio Commisso, realizzando 15 goal e delle giocate che non sono passate inosservate agli osservatori della compagine gialorossa che hanno deciso di puntare sul giovane calciatore gioiosano. Non nasconde la propria soddisfazione il presidente della Seles Francesco Rigitano che spiega. «Per prima cosa vorrei ringraziare l’US Catanzaro nella persona del Direttore tecnico del settore giovanile Carmelo Moro che ha voluto fortemente il ragazzo facendo di tutto per portarlo in giallorossa.

a trattativa si è conclusa lasciando tutte e due le parti soddisfatte con l’impegno da parte del direttore Moro di venire a Gioiosa per visitare la “scuola etica e libera di educazione allo sport”  di modo da poter inizare iniziare una collaborazione continua tra le due società. Siamo davvero contenti che uno dei nostri ragazzi sia potuto andare a giocare in una società professionistica, per una scuola calcio giovane come la nostra questo non deve rappresentare un traguardo ma un primo passo verso un futuro ricco di soddisfazioni. Siamo convinti che lo sport rappresenti qualcosa in cui credere ed investire e questo è quello che stiamo facendo, il mio augurio e che dopo Bruno siano molti altri i giocatori che lasceranno al Seles per andare in società professionistiche, perché vorrà dire che stiamo lavorando bene sia come allenatori ma anche come educatori».


Tags : seles catanzaro
allenatori

Inserisci qui il tuo commento